Carrello

Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

Racconti

Post thumbnail

Si fa così

Racconto tratto dalla rivista americana New York Tyrant e tradotto da Letizia Merello per Pidgin Edizioni Quando gli ho detto che ero incinta, Ham si è alzato dal letto ed è andato a riempire la vasca. È rimasto lì in piedi, le mani sui fianchi, ogni tanto si attaccava all’Old Granddad. Poi si è tirato …

Post thumbnail

Il Camaleonte

Il Camaleonte e io eravamo amici, una volta. Eravamo quel tipo di amici che si fiancheggia in ogni occasione, soprattutto quando meno lo meritavamo, quel tipo di amici che anche davanti all’evidenza del torto cerca di riabilitare la posizione dell’altro agli occhi del mondo. Ci amavamo con tutti i nostri difetti più detestabili, anzi forse …

Post thumbnail

Quel che non le riusciva

Racconto tratto dalla rivista New York Tyrant. Traduzione dall’inglese di Stefano Pirone. Prima che lei si imbarcasse sull’aereo, avevano attraversato un panorama di metallo arrugginito a bordo di un autobus. C’era stato del vino, della carne avvolta con cura all’interno di uno strato di farina. All’ultima fermata insieme, lei cambiò i propri soldi, acquistò un …

Post thumbnail

Fermata Lambrate

L’unico posto libero è vicino a una cinese con un bimbo in braccio. Ti siedi. Guardi lo schermo. Da Cadorna sono nove fermate. Sei un’idiota, pensi. Certo che lo sei. Avresti dovuto costringerlo ad andare a comprarli. E invece no, non potevi attendere quei cinque minuti sufficienti per giungere all’automatico sotto casa. Ti è bastato …

Post thumbnail

Un Natale etiope

L’eroe nazionalpopolare sovrasta il grande schermo della sala 2 del Multicineplex in centro. Gargarizza battute sull’immigrazione tentando una blanda critica sociale, che per lo più piace ai razzisti con la coscienza sporca (quelli che vanno al cinema una volta l’anno, di solito a Natale, pensando di essere loro quelli con la mente aperta – tolleranti …

Post thumbnail

Lampadine

Chiusa sola in casa non sapeva più come riempire il tempo, colmare il vuoto che costantemente provava. Nella situazione attuale, grazie tante, era ancora più difficile del solito. Il pozzo oscuro che aveva al posto dello stomaco si era espanso come un nuovo universo che avrebbe trangugiato qualunque cosa, compresa lei. Inghiottita dall’interno. Sapeva come …

Post thumbnail

Petlog (5 racconti)

Io e mio fratello abbiamo rispettivamente diciotto e ventidue anni. Lavoriamo in un mattatoio. Fuori c’è la guerra. Dico fuori perché nel mattatoio io e mio fratello ci viviamo proprio; non usciamo mai, se non per vedere i tori che montano le vacche e le vacche montate dai nostri superiori. Ci occupiamo di far fuori …

Post thumbnail

Avanti e indietro

Il pancione non sussultò più. In quel preciso momento, tutt’intorno si era sviluppata una specie di istantanea della morte. Il marito inebetito, l’ostetrica stranita, lo smartphone quieto. Il loro figlio vivo nella stanza di sopra. Il loro neonato morto, sanguinante e non urlante, nel fagotto che le aveva consegnato l’ostetrica. Mancava solo il biglietto di …

X