Carrello

Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

Non-fiction

Post thumbnail

Mufasa

La prima volta che ne ho visto uno avevo circa cinque anni. Mio padre usciva dalla doccia e lo notai: zuppo, ballonzolante, la proboscide di un elefante che dondolava a qualche passo da me. Era circa lo stesso periodo che vidi il Re Leone, e l’enorme foresta di pelo folto a fargli da criniera mi …

Post thumbnail

Il contrario della solitudine (estratto)

Un estratto del saggio “Il contrario della solitudine – Manifesto per un femminismo in comune” di Marcia Tiburi, pubblicato nel luglio 2020 da effequ. Traduzione di Eloisa Del Giudice.Questo saggio è un percorso di comprensione e autocritica del femminismo, inteso come necessità di una rivoluzione radicale rivolta alla lotta contro le sofferenze accumulate, una lotta …

Post thumbnail

Complemorte

La prima volta che ho incontrato la parola Complemorte mi ha affascinato per motivi non così diversi da quelli che mi hanno poi spinto a sceglierla come termine per descrivere un giorno dell’anno 2009 che ha segnato la mia vita in un prima e un dopo. Una cesura, un lutto, ma anche la volontà di …

Post thumbnail

Madrelingua

L’installazione-video di Zineb Sedira mi ha fatto pensare a mia nonna. Al giorno in cui la filmai mentre mi raccontava di suo padre, di mio nonno, e dei sogni racchiusi nei mattoni della casa. Nel primo schermo di Mother Tongue 2002, il dialogo tra l’artista e la madre si svolge in arabo e in francese. …

Post thumbnail

Fare pace con il sangue

(Fotografie di Sara Lorusso) Sono cresciuta in una famiglia ad alta percentuale maschile: tre maschi e due femmine, poi a un certo punto sono rimasta sola, la separazione dei miei mi ha portata forzatamente a essere l’unica femmina dentro una casa piena di caos e totale incomprensione. Per tantissimo tempo mi sono sentita trascurata, non …

Post thumbnail

Grazie, Lauren Greenfield

(Saggio personale tratto dalla rivista online HARSH. Traduzione dall’inglese di Stefano Pirone.) Alcuni dei primi ricordi che ho sono di momenti di sofferenza. In terza elementare, la maestra distribuì delle batterie per un esperimento di scienze. Non ricordo quale fosse l’esperimento. Sembrava che avremmo tutti fatto la stessa cosa, ma le batterie distribuite erano un …

X