Carrello

Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

Racconti

Post thumbnail

Un anno, ancora

È mattino. Non ho dormito per tutta la notte. Ogni volta che chiudo i miei occhi, rivedo i suoi di occhi. I miei vestiti gettati sulla sedia puzzano di vomito. La mia camera è trafitta da raggi di sole e sa di vomito e sudore. Ieri sera, dopo tutto quello che è successo, siamo andati …

Post thumbnail

Due che litigano

Non si sa perché, ma quando si litiga uno sta sempre seduto e l’altro in piedi. Uno poggiato al muretto, al motorino, al palo e l’altro senza appoggi. Uno fermo e l’altro che si agita, misura la stanza camminando, si sfoga in operazioni microscopiche e vane, che per lo più serviranno a ridurre un vecchio …

Post thumbnail

Soda caustica

Quando avevo cinque anni mi hanno dato da bere una soda caustica, corrosiva come lo stura scarichi.Prima che l’immaginazione si infili nelle fognature delle vostre perversioni, lo dico io, così ci togliamo il pensiero: è stato un incidente.Avevo corso. L’aria calda e il sudore mi si erano appiccicati addosso, l’entrata del bar sembrava un castello. …

Post thumbnail

Rivoluzione

(Racconto tratto dalla rivista PANK Magazine e tradotto dall’inglese da Leonarda Grazioso) Autunno Il mattino del loro quinto anniversario di matrimonio, lui le regalò una borsa di tela. «Un nuovo progetto,» disse, facendo scorrere la borsa sul tavolo della colazione. Dentro c’erano guanti a fantasia, mini rastrelli e palette di metallo e un assortimento di …

Post thumbnail

Duplex

Giosuè bazzicava nel parcheggio dietro al cimitero, occupava il tempo a rincorrere i gatti, osservare il movimento degli alberi mossi dal vento e inscenare monologhi fatti da versi animaleschi e parole pronunciate male. Chi passava di là si fermava ad ascoltarlo, così, tanto per ridere. La madre gli morì mentre lo partoriva e le famiglie …

Post thumbnail

Uomo in completo di poliestere

Fuori da scuola Carlo si avvicina e mi chiede se ho cinque minuti per lui. “Anche tutta la notte” vorrei rispondergli. Mentre parla mi perdo sulle sue labbra e smetto di essere sorda solo quando nomina Francesca: “Scusami, dicevi?”. “Ti ho chiesto se tua figlia ti ha detto qualcosa di ieri pomeriggio?”. Faccio no con …

Post thumbnail

Come un sasso

(Racconto tratto dalla rivista PANK Magazine e tradotto dall’inglese da Francesco Cristaudo) Allodola eurasiatica (alauda arvensis) “Sollevandosi in archi sempre più alti fin quasi a scomparire alla vista, l’uccello batte le ali e canta ininterrottamente per tre o quattro minuti, poi le ripiega e cade come un sasso verso il centro del suo territorio.” (National …

Post thumbnail

Ostaggi

Mi chiamo Bianca. Non come la neve, e nemmeno come certe leggende che inventano le Levatrici. Mi chiamo Bianca come la coperta in cui ero avvolta quando la mia Genitrice mi ha preso fra le braccia. Di solito il cognome ci viene assegnato in maniera casuale, mentre per il nome concedono sempre un paio di …

X