Carrello

Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

Racconti

Post thumbnail

L’Acquario

Martedì ho avuto il problema del carburante. Tutte le stazioni di servizio parevano essere state prosciugate nella notte e le indicazioni sul cruscotto lasciavano poche speranze, non sarei arrivato fino al lavoro. A metà tragitto ho invertito il senso di marcia per provarne una che avevo visto sfilare sull’altro lato della carreggiata. Enormi buche piene …

Post thumbnail

Take Five

Fumo una sigaretta dietro l’altra, nella fattispecie non è mica una cosa gradevole. Cioè, di per sé è gradevole la boccata. Di per sé, quando senti che ti esplode nella gola è grandioso, anche se brucia. Quando ti arriva e lo aspiri tutto, è sensazionale. Ti stappa come una bottiglia di prosecco. Parlo delle sigarette, …

Post thumbnail

La metamorfosi

Racconto tratto da PANK Magazine. Traduzione dall’inglese di Gabriella Ingletto. Una mattina, risvegliandomi nel mio letto da sogni inquieti, mi ritrovai trasformato in Franz Kafka. Ero disteso sul mio soffice materasso, ed era proprio soffice e avvolgente, e sollevando lievemente la testa notai la forma sottile delle mie costole sporgere dalla pelle tesa; la linea …

Post thumbnail

La ferita

Un amico fidato gli aveva dato il numero di Maria Soledad rassicurandolo sul fatto che la tipa in questione era una vera professionista e che una volta concluso il tutto sarebbe uscito dall’alcova lussuriosa pienamente soddisfatto, così fissò l’incontro e si recò all’indirizzo comunicatogli con il solito carico di depressione e solitudine ma anche di …

Post thumbnail

Cambio casa spesso #2

La seconda volta che cambiai casa avevo da poco avuto il menarca – in ritardo rispetto al resto delle signorine mie amiche – e avevo incontrato una persona, un uomo adulto che non ingeriva le creature marine e soprattutto non mangiava il cervello degli agnelli strappandolo loro dal cranio arrostito come facevano alcune delle persone …

Post thumbnail

Per l’ostinazione di un pesce

Quando sono giunti sul posto il suo corpo era gonfio, come se qualcuno ci avesse soffiato dentro per un’ora buona, e immobile quanto un pezzo di legno lasciato galleggiare sul pelo dell’acqua e trasportato dalla corrente. In realtà, in quel laghetto artificiale nascosto dai campi di granturco e dimenticato da tutti o quasi, non c’è …

Post thumbnail

Trap trap drum

La trap trap drum- Linea C: percorso ondulatorio. Coi cipressi che si fanno curvi, sonnecchiano… Burger King. Caffè letterario. Sambuca. Dior. Piste bianchissime. Fulmini alle orecchie. Vado a rifugiarmi. Vieni a canticchiare. Spiagge affollate, mai dome. Percorso a sterro: “VENDESI” poi “AFFITASI”. Rock in dance. Nuvole di fumo. Dung-sdeng. Nell’oceano della tua borsa filtrini, gum. …

Post thumbnail

Teste calde

Robbie venne messo giù con cautela. Il legno che rivestiva la base della vetrina sprigionava un tepore inaspettato, rispetto all’argento freddo del vassoio in cui lo avevano trasportato. Si sentiva intorpidito, e si chiese come potesse essere possibile. Doveva avere a che fare con quella storia dell’arto fantasma di cui gli avevano parlato i medici. …

X